TENNIS – RAFAEL NADAL VINCE GLI US OPEN, E’ IL SUO 16° SLAM!


Rafa Nadal, uno dei più forti tennisti  al mondo di tutti i tempi, ha vinto gli US Open, il torneo statunitense che fa parte dei quattro  cosiddetti del Grande Slam.

Nadal ha battuto  in finale il 31enne sudafricano Kevin Anderson, che aveva iniziato il torneo come numero 32 al mondo e aveva ottenuto raggiungendo la finale – la prima in un torneo del Grande Slam – un risultato molto al di sopra delle aspettative: la partita è durata tre set ed è finita con il punteggio 6-3, 6-3, 6-4 in due ore e 27 minuti. È un risultato che rispecchia il dominio di Nadal per tutta la partita, nonostante i validi tentativi di Anderson per metterlo in difficoltà.

Rafael Nadal vince così il suo 16° Slam, Dieci Roland Garros, Tre US Open, Due Wimbledon e un Australian Open, confermandosi uno dei tennisti più grandi di sempre.

E’ stato l’anno degli over 30 (in Australia e a Wimbledon ha vinto Federer, classe ’81, al Roland Garros e agli USA Open il 31enne Nadal).

Come la finale femminile di sabato sera, dove Sloane Stephens ha sconfitto Madison Keys quando la grande occasione si è subito ridotta alla prevedibilità, Nadal si è rivelato dominante in tutto. Ha strappato il servizio al gigante Anderson, che ha si’  toccato 136mph in una fase, oltre i 200km/h – non meno di quattro volte, senza, pero’ mai arrivare ad una palla break sul servizio di Nadal.

La  finale di ieri ci ha ricordato il divario tra Andy Murray, che dispose di Milos Raonic così serenamente nell’ultima finale di Wimbledon.

Nadal ha fatto di tutto meglio di Anderson. Si è mosso con il ritmo elettrico del suo splendore – un segno, forse, che il trattamento PRP (plasma ricco di piastrine) che si crede di aver usato sulle ginocchia è riuscito a tener sopito il dolore

A rete, è stato impeccabile, vincendo tutti e 15 i punti che ha giocato lì. Anche sul servizio ha conseguito più vincenti di Anderson.

Tutto sommato, questa è stata una delle prestazioni più spietate di Nadal su una superficie che non fosse quella a lui cara del Ronald Garros.

error: Content is protected !!